Calzature da corsa

Le scarpe sono l’elemento più importante dell’equipaggiamento di ogni podista. Se sei un principiante, le scarpe sono l’unico elemento del guardaroba a cui dovrai prestare attenzione prima di iniziare gli esercizi.

Le calzature sono davvero importanti. Gli altri capi di abbigliamento (magliette speciali, pantaloni, tute ecc.) possono essere utili, ma non sono indispensabili – prima di tutto le scarpe. La corsa, se praticata regolarmente, sottopone gli arti inferiori ad un grosso sforzo. Pertanto, in presenza di scarpe non adatte, le Tue gambe potrebbero accusare problemi (soprattutto in caso di corsa sull'asfalto).

Non puoi iniziare a correre utilizzando le Tue vecchie scarpe da tennis, così come non puoi usare calzature non pensate per la corsa. L’uso di scarpe non adatte provoca affaticamento, abrasioni, dolori (delle articolazioni e della spina dorsale) e contusioni.

Cosa controllare al momento della scelta delle scarpe

Ai nostri giorni, il mercato calzaturiero propone un’offerta davvero ampia, ed il progresso tecnologico fa sì che le calzature abbiano una struttura molto complessa. È proprio la struttura l'elemento che dovremmo prendere in esame.

  • Suola:
    Quando corriamo, è proprio questa parte ad avere un contatto diretto con il terreno. La suola è realizzata con uno strato di gomma dura, sottile e resistente. Il battistrada è scolpito ed assicura una buona aderenza. Rifletti sul tipo di superficie sulla quale hai intenzione di correre – ci sono differenze tra le scarpe destinate alla corsa sull’asfalto, sulle piste o su percorsi sterrati. Le scarpe destinate ad un substrato mobile e morbido sono caratterizzate da un battistrada più profondo, tale da garantire la massima aderenza.
  • Intersuola:
    Si tratta di una parte della calzatura estremamente importante. È lo strato compreso tra la suola ed il fiosso. L’intersuola assicura la stabilità del piede durante la corsa ed ammortizza gli urti dell'arto sulla superficie di appoggio! Per garantire un’ulteriore effetto ammortizzante, sotto al tallone sono presenti elementi come cuscinetti di gel, silicone o aria. Invece, in corrispondenza del metatarso, possiamo incontrare molto spesso rinforzi destinati ad impedire l’approfondimento della posizione del piede verso l’interno durante la corsa (si tratta di un accorgimento molto importante per coloro che tendono a posizionare in modo scorretto i piedi, andando a concentrare il carico sulla parte interna dell'arto). La presenza di ulteriori rinforzi nella zona del metatarso previene l'insorgere di traumi a livello del piede e dei tendini.
  • Parte superiore della scarpa:
    La parte superiore della scarpa è quella destinata a trattenere l’arto. Solitamente è realizzata in pelle o in materiali sintetici – attualmente, grazie all’utilizzo di tecniche moderne e di materiali adeguati, assicura una buona ventilazione e previene l'eccessiva sudorazione dei piedi. La parte superiore deve essere comoda e morbida, poiché in caso contrario potrà provocare calli o abrasioni sulla parte superiore del piede. Il frammento destinato al tallone, invece, dovrà essere rigido.

Cosa scegliere

Fare la scelta giusta non è cosa facile. È difficile trovare la calzatura ideale per il proprio piede. Gli sportivi professionisti provano diversi modelli, fino a trovare quello che fa per loro. Per facilitare il nostro compito, dovremo scegliere un negozio con personale esperto, che ci potrà indicare il tipo di scarpa adatta al nostro piede ed al nostro stile di corsa.

Ovviamente, non potrai basarti soltanto sull’esperienza del venditore. Ci sono cose che ogni podista principiante dovrebbe sapere in tema di scarpe, prima di decidersi a fare il proprio acquisto:

  • È bene comprare le scarpe nelle ore pomeridiane, quando i piedi sono stanchi e gonfi. Anche durante la corsa si gonfieranno, e la scarpa non dovrà comprimerli.
  • Dovremo indossare gli stessi calzini che andremo ad utilizzare durante gli allenamenti.
  • Bisogna sempre provare entrambe le scarpe. Nella maggior parte delle persone, i piedi hanno dimensioni leggermente diverse. La calzatura, pertanto, dovrà essere scelta in modo tale da non comprimere il piede più grande.
  • La scarpa dovrà essere abbastanza grande, in modo tale da garantire all'alluce un'adeguata libertà di movimento. La calzatura, tuttavia, dovrà essere sufficientemente aderente. Pertanto, se spostiamo il piede in avanti, il tallone non potrà perdere la propria stabilità.
  • Il tallone non dovrà muoversi all’interno della scarpa durante la corsa (in caso contrario la scarpa potrà fare attrito sul tendine di Achille). Questo attrito può provocare spiacevoli ferite e distruggere rapidamente l'imbottitura della calzatura.
  • La scarpa deve calzare bene fin dal primo momento. Non dobbiamo aspettarci che diventi più comoda col passare del tempo. Le scarpe da corsa sono fatte in modo tale da calzare bene fin dall’inizio e sono così resistenti da non sformarsi mai.
ADVERTISEMENT